Conversione

Vocazioni - Vieni e seguimi

Il pellegrino viene con disposizione alla conversione

Terra Santa: un incontro di Conversione

Nell’antichità il pellegrinaggio, soprattutto in Terra Santa, aveva più che altro una funzione penitenziale, dovuta in parte alle difficoltà che una tale missione comportava: viaggi lunghi e difficili, scomodità, problemi politici e così via. I pellegrini erano animati da una fede molto profonda ed erano preparati persino a morire, cosa che, a volte, succedeva durante il loro viaggio.
Il pellegrinaggio era, infatti, anche l’occasione per espiare le proprie colpe, espiazione che veniva simbolicamente esplicata attraverso la sostituzione della veste civile con quella del pellegrino, espressione appunto di questa volontà.

Oggi, con le comodità della vita moderna, con gli alberghi di lusso e i veloci mezzi di trasporto, si è perso quell’aspetto esteriore della penitenza ed il pellegrinaggio si converte spesso in viaggio turistico, persino per quelli che lo intraprendono per motivi strettamente religiosi.

La verità è che non è facile essere pellegrini.

La cosa più importante del pellegrinaggio a Gerusalemme è la decisione interiore di rispondere alla chiamata dello Spirito in modo personale, come discepolo di Gesù.

Pertanto, il pellegrinaggio è anche “cammino di conversione”: il pellegrino ha cioè l’opportunità di vivere l’esperienza del figliol prodigo, di colui che conosce il peccato, la durezza della prova e della penitenza ed il sacrificio del viaggio, ma che conosce anche l’abbraccio del Padre pieno di misericordia che lo riconduce alla vita (cf. Lc 15,24).

In questo processo di “cambiamento di vita” per orientarla verso Dio, sarà necessaria la partecipazione al sacramento della riconciliazione, in cui il pellegrino si rende conto del proprio peccato, confessa la sua colpa e riceve la grazia e la misericordia del Signore.

In un contesto come questo l’incontro con la Città Santa dovrebbe iniziare dal Monte degli Ulivi, più precisamente, dal Santuario del Dominus Flevit, il luogo del pianto di Gesù su Gerusalemme, sorda e cieca alla visita del Salvatore e simbolo, per questo, della nostra insensibilità: “"Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi” (Lc 19,44).

Il rifiuto di Cristo significò per Gerusalemme guerra e distruzione.

 

Fr. Artemio Vítores, ofm

Vicario della Custodia di Terra Santa

Calendario

05/05/2017 CELEBRAZIONI

Cafarnao: 17.00 Messa solenne

06/05/2017 CELEBRAZIONI

S. Sepolcro: 15.30 Processione e I Vespri - 00.30 Vigilia

07/05/2017 CELEBRAZIONI

Invenzione della S. Croce al S. Sepolcro: 9.30 Messa Solenne e Processione con la Reliquia (Custode) Domenica IV di Pasqua. Gerico: 9.30 Messa solenne

24/05/2017 CELEBRAZIONI

Ascensione del Signore. Ascensione: 13.45 Ingresso Vicario custodiale – 16.45 I Vespri – 18.50 Compieta – 23.00 Vigilia

25/05/2017 CELEBRAZIONI

Ascensione: 5.30 Messa solenne

2011 - © Gerusalemme - San Salvatore Convento Francescano St. Saviour's Monastery
P.O.B. 186 9100101 Jerusalem - tel: +972 (02) 6266 561 - email: custodia@custodia.org