Tommaso Obicini da Novara

Vocazioni - Vieni e seguimi

Tommaso Obicini da Novara, palestinologo e arabista - sec. XVII

Tommaso Obicini da Novara

Tommaso Obicini nacque a Nonio (Novara, Italia) nel 1585, divenne francescano e nel1608 fu ordinato sacerdote. Nel 1612 fu nominato Vicario della Custodia di Terra Santa, ma nel mese di aprile l613 lasciò lʼincarico per dedicarsi allo studio dellʼarabo e fu nominato Guardiano del convento di Aleppo in Siria. Negli anni della sua residenza ad Aleppo (1613-1620) ebbe un ruolo di rilievo nel tentativo di unione dei Caldei con la Chiesa di Roma.

Il 14 marzo 1620 fu nominato Custode di Terra Santa. Trasferendosi da Aleppo a Gerusalemme passò a Nazaret dove constatò lʼabbandono del santuario dellʼAnnunciazione e si propose di ricuperarlo al culto cristiano.

A Gerusalemme affrontò la difficile situazione in cui viveva la Custodia, riordinò alcuni aspetti della vita dei frati e promosse una vivace attività edilizia nei santuari e nei conventi
Verso la metà del mese di novembre del 1620 si recò a Beirut dallʼEmiro Fakhr ad-Din e ottenne la restituzione del santuario di Nazaret, di cui prese possesso il 29 novembre. Eʼ suo merito anche il recupero del santuario di S. Giovanni Battista in Ain Karem, di cui prese possesso il 29 aprile 1621.
Il 29 maggio 1621 fu confermato Custode di Terra Santa e il 6 giugno si mise in viaggio alla volta di Roma per trattare dei problemi della Custodia.

Nellʼaprile del 1622 rinunziò allʼufficio di Custode e propose lʼistituzione di un Collegio per lo studio della lingua araba presso il convento di S. Pietro in Montorio a Roma. La sua proposta fu accettata e la Congregazione di Propaganda Fide lo incaricò dellʼinsegnamento dellʼarabo. A Roma svolse attività didattica nel Collegio e di consulenza per la Congregazione e collaborò nella revisione delle traduzioni arabe della Bibbia.

Lʼamore per la Terra Santa si espresse anche attraverso gli scritti. Nel 1623 pubblicò cinque opuscoli contenenti riti e testi di pii esercizi praticati dai francescani e le relazioni del recupero di Ain Karem e di Nazaret. Dello stesso anno è un opuscolo nel quale espose la deplorevole situazione dei santuari di Terra Santa, e una lettera con la quale sollecitò il patronato della famiglia Medici di Firenze per il santuario di S. Giovanni ad Ain Karem.

Nel 1626, dovendo tornare nei suoi luoghi dʼorigine chiese di fermarsi a Venezia per imparare il persiano ed essere utile nella preparazione di una risposta al libro persiano intitolato Purificatore dello Specchio, scritto contro i cristiani. Nel mese di novembre 1629 rientrò a Roma e riprese la sua attività di insegnamento. Qui morì il 7 novembre 1632.

Meno nota dellʼattività in favore della Terra Santa è quella di Obicini esperto di lingua araba e pioniere di studi orientalistici. Gli scritti linguistici di cui si ha notizia sono i seguenti.

  1. (in arabo) Isagoge Idest, breve Introductorium Arabicum, in Scientiam Logices cum versione Latina ac Theses sanctae Fidei, Romae 1621. Il libro si propone di introdurre i missionari ai concetti filosofici e teologici degli orientali affinché possano discutere con i musulmani.
  2. Grammatica arabica (in arabo), Agrumia appellata. Cum versione Latina, ac dilucida expositione, Romae 1631. Eʼ la traduzione, accompagnata da commento, della grammatica araba di Muhammad ibn Daʼud as- Singaji.
  3. Thesaurus Arabico-Syro-Latinus, Romae 1636. Eʼ una traduzione rielaborata di alcune nomenclature di Elia bar Shinaya, detto Elia di Nisibi (morto dopo il 1049).
  4. Scala (= manoscritti copti che contengono grammatiche e vocabolari). Grammatica egiziana e dizionario egiziano-arabo-latino. Eʼ un manoscritto in cui si trovano: traduzione integrale della grammatica di Giovanni as-Samannudi, parte della fine della grammatica di al-Asʻad abu-l Faraj ibn al-ʻAssal, inizio incompleto della grammatica di Giovanni al-Wajih al-Qalyubi e inizio incompleto del vocabolario di Abu-l-Barakat. La traduzione è in latino e in italiano. Vi si trova anche la trascrizione in caratteri latini della pronuncia del copto secondo lʼuso del XVII secolo in Egitto.

    AllʼObicini spetta il merito di aver fatto conoscere al mondo occidentale le iscrizioni sinaitiche. Si conserva una raccolta di iscrizioni e una relazione in cui racconta che quando passò per il monte Sinai i monaci gli mostrarono unʼiscrizione che essi attribuivano al profeta Geremia.

    Di Obicini restano 56 lettere di notevole interesse. In una del 10 gennaio 1618 diretta a Pietro Della Valle, celebre viaggiatore italiano, rivela la sua erudizione e la conoscenza dellʼebraico, del siriaco e dellʼarabo. Il 4 dicembre 1623 scriveva al cardinale Federico Borromeo (1564-1631) per accompagnare lʼinvio di un Pentateuco Samaritano, importante manoscritto non posteriore al X secolo ancora conservato nella Biblioteca Ambrosiana.

    Testo di Michele Piccirillo e G.Claudio Bottini
  5. Tratto dalla mostra fotografica: I Francescani e lʼOriente cristiano – Tappe di una lunga presenza
    50° anniversario di fondazione del Centro Francescano di Studi Orientali Cristidani (MUSKI)

Calendario

29/03/2017 CELEBRAZIONI

Flagellazione: 17.00 Messa solenne

30/03/2017 CELEBRAZIONI

Betania: 6.30 Messa nella Tomba - 7.30 Messa in chiesa – Pellegrinazione: Ascensione – Pater

01/04/2017 CELEBRAZIONI

S. Sepolcro: 17.00 Processione quotidiana

02/04/2017 CELEBRAZIONI

V Quaresima. S. Sepolcro: 6.30 Messa solenne

05/04/2017 CELEBRAZIONI

Lithostrotos: 17.00 Messa solenne

2011 - © Gerusalemme - San Salvatore Convento Francescano St. Saviour's Monastery
P.O.B. 186 9100101 Jerusalem - tel: +972 (02) 6266 561 - email: custodia@custodia.org